Precedenti storici negativi con l’Udinese, per essere una squadra di media classifica della serie A italiana. Due sconfitte lo scorso anno, tra cui quella della mancata espulsione “della discordia” di De Paul, con al massimo una vittoria nelle stagioni precedenti; un ricordo che è quindi un motivo extra per ribaltare la tradizione, oggi alle 15.

Il passaggio al 3-5-2 (o 3-5-1-1) sembra confermato per i rossoneri. Dall’altra parte la squadra del friulano Delneri, ancora una volta rinnovata parecchio da un’estate all’altra; fuori Widmer e lo squalificato Pezzella, mentre nel Milan è indisponibile Conti (fino a marzo) più Antonelli rimasto fuori a scopo precauzionale. Probabile formazione con: G. Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Abate, Kessié, Biglia, Calhanoglu, Rodriguez; Suso, Kalinic (Silva). Torna titolare Rodriguez, si rivedono in panchina Gomez e Mauri; in pratica una rosa convocata per intero, se si escludono Paletta e gli indisponibili.

4-1-4-1 per la risposta dell’Udinese con: Scuffet; Larsen, Danilo, Nuytinck, Samir; Behrami; De Paul, Barak, Jankto, Lasagna; Maxi Lopez. Alla stessa ora, dopo i successi di Inter, Fiorentina e Roma e la sfida dell’ora di pranzo tra Sassuolo e Juventus, il primo inedito derby campano in A tra Napoli e Benevento, seguito da un’altra sfida importante per l’Europa (strano a dirsi) come Chievo-Atalanta delle 18. Al termine, posticipo serale tra Genoa e Lazio a chiudere la giornata. A Milano arbitrerà Guida, addetti al Var Abisso-Minelli.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014