Due vittorie su due negli scontri diretti. Anche se in Supercoppa tecnicamente si trattava di un pari nei 120′, finora il Milan è l’unica squadra che può vantare risultati del genere in stagione contro la Juventus.

Sarà molto difficile confermarsi stasera; si cambia ambiente (lo Stadium) e anche se il Milan viene da un buon periodo nelle ultime 4 sfide, 17 punti sono uno scarto piuttosto vasto. Diramati i convocati, con il ritorno di Antonelli e l’esclusione di Abate, c’è anche Suso. Proprio il capitano delle ultime sfide e i lungodegenti Montolivo e Bonaventura non saranno della partita. Con la conferma del 4-3-3 l’undici dovrebbe essere: Donnarumma; De Sciglio, Zapata, Paletta, Romagnoli; Pasalic, Sosa, Bertolacci; Suso, Bacca, Deulofeu. Fuori Locatelli, non al meglio, e Vangioni per fare spazio alla soluzione Romagnoli largo a sinistra e Zapata centrale. Probabilmente l’unico modo per arginare il super-attacco bianconero.

Nella Juventus sono indisponibili Chiellini, Sturaro e lo squalificato Cuadrado. 4-3-1-2 con almeno quattro giocatori in grado di sbloccare la partita da un momento all’altro. Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Benatia, Alex Sandro; Khedira, Marchisio, Pjanic; Dybala; Mandzukic, Higuain. Due i ballottaggi, con Dani Alves e Barzagli che potrebbero trovare posto in difesa al posto di Lichtsteiner e Benatia. Con Inter-Atalanta alle 15 di domenica e Lazio-Torino in calendario lunedì sera, c’è anche qualche possibilità di non perdere punti sulle rivali per l’EL.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014