Sabato 27 agosto, ore 20.45, Stadio San Paolo. Sfida tostissima per il Milan che non può adagiarsi dopo il 3-2 sofferto contro il Toro: avversario è il Napoli di Sarri.

Partenza così così per il tecnico toscano ma nato per caso proprio nel capoluogo campano: il 2-2 in rimonta contro il neopromosso Pescara mostra ancora una volta come le piccole alla prima giornata siano in grado di questi exploit. Senza Higuain gli azzurri si vedono privati del bomber che concretizzava al meglio il gioco di Sarri (passato da 5º a 2º in campionato senza grossi acquisti). Milan che punta a fare lo stesso passo visto che i primi 85 milioni arriveranno solo a mercato finito: detto che il Sassuolo ha cambiato poco e la Fiorentina secondo qualcuno è anche peggiorata, è un dovere centrare l’EL.

Ma vediamo le formazioni in campo. 4-3-3 speculari, il classico modulo di chi fa del “gioco” il proprio cavallo di battaglia (Chievo a parte, tutte le varie sorprese tipo Sassuolo, Empoli e lo stesso Napoli 2015-16 l’hanno adottato). Il Napoli si schiera con: Reina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Milik, Mertens. Risponde il Milan con: Donnarumma; Abate, Gomez, Romagnoli, De Sciglio (Antonelli); Kucka, Montolivo, Bonaventura; Suso, Bacca, Niang. Con 5 assenti tra cui Paletta e Bertolacci c’è posto per tutti in panchina: si rivedono Mauri e Lapadula.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014