Giovedì 21 aprile, ore 20.45, San Siro. Secondo atto del (breve?) interregno di Cristian Brocchi al Milan, e dopo la Sampdoria che ieri ci ha fatto un grande favore fermando il Sassuolo ora è il turno del Carpi.

Solo due precedenti con gli emiliani, tutti in questa stagione: l’1-1 dell’andata a Modena e il 2-1 per il Milan in Coppa Italia. In piena lotta salvezza, la squadra di Castori è a quota 31 punti dopo il successo di domenica con il Genoa, davanti al Frosinone sconfitto malamente dal Chievo e al Palermo che ieri ha portato a casa un punto fermando l’Atalanta sul 2-2. Assenze da entrambe le parti, con Kucka e il lungodegente Niang nel Milan e Gagliolo nel Carpi. 4-3-1-2 confermato per Brocchi, con: Donnarumma; Abate, Alex, A. Romagnoli, Antonelli; A. Poli, Montolivo, Bertolacci; Bonaventura; Bacca, Balotelli. Risponde con un 4-4-1-1 il Carpi: Belec; Zaccardo, F. Poli, S. Romagnoli, Letizia; Pasciuti, Bianco, Cofie (Crimi), Di Gaudio; Lollo; Mbakogu.

Una possibile alternativa a Bertolacci è lo spostamento di Bonaventura in mediana e l’inserimento di Honda o Boateng trequartista. La possibilità di andare a +6 sul Sassuolo e a +7 sulla Lazio è allettante, ma di fronte c’è la classica squadra che lotterà con il coltello tra i denti: abbiamo visto come con il Milan di quest’anno niente sia scontato. Una possibilità di rimonta su Inter e Fiorentina entrambe sconfitte ieri sembra più remota, ma se arrivassero i tre punti stasera non è del tutto da scartare. Ma proprio per la serie di risultati a noi favorevoli ieri sera è ancora più importante vincere.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014