Milano è rimasta sola. La Lupa azzanna da ambo i lati.
Milano è rimasta sola, ma lo era da sempre
Milano è rimasta sola, ma quest anno è diverso.
Il blu ritorna rosso. Il piangina è in agonia.
E’ l’ora del colpo di grazia.
DALLO STADIO SAN SIRO IN MILANO MILAN – BRESCIA, MILANO SIAMO NOI!

https://i0.wp.com/guidatv.sky.it/app/guidatv/images/epgimages/2010/11/29/183639b_Milan-Binho-visore-getty.jpg?resize=335%2C191San Siro, ore 20.45. E alla fine rimasero in due. Milan e Lazio, vittoriosa ieri sera nell’anticipo con l’Inter. Vincere stasera eliminerebbe i nerazzurri dalla lotta al titolo, che diventerebbe una questione fra noi e le romane (considero anche la Roma). Lazio che ieri sera ci ha agganciato, indi per cui è necessario almeno un punto per strappare nuovamente la vetta. Resto convinto comunque che i biancocelesti non siano squadra da titolo. Ma passiamo a noi: con il Brescia sarà una partita strana, affrontiamo una squadra in crisi di risultati ma che è riuscita a strappare diversi punti alle big e che in passato ci ha spesso messo in difficoltà davanti al nostro pubblico. Anticipiamo al sabato per la Champions League, ma quello è il meno, mercoledì potrà essere fatto ampio turnover e finalmente vedremo in campo una squadra che mercoledì ha potuto riposare.

FORMAZIONI – Non sarà invece turnover il probabile impiego di Pirlo dal 1′, in un centrocampo con Seedorf che non mi piace e stravolgerà il modo con cui abbiamo giocato e ottenuto la vetta della classifica. Spetterà ad Allegri stupirmi dopo aver lasciato due punti nella trasferta di Genova in una partita in cui c’è tutto da perdere e niente da guadagnare. A centrocampo dovrebbero dare copertura Gattuso e Ambrosini. Confermato Zambrotta in difesa (Antonini non ha ancora recuperato) mentre dall’altro lato agirà, come sempre, il Maicon biondo: Ignazio Abate. Confermato ancora Robinho dal 1′. Forse ancora più decisivo di Ibra con la sua corsa che ha cambiato il modo di giocare. La chiave della partita sarà forse questa: i lanci lunghi di Pirlo e la corsa del brasiliano, insieme ovviamente al solito colpo di biliardo di Ibra. Di là attenti all’Airone Caracciolo, altro giocatore che mi piacerebbe molto se venisse a fare la quarta punta da noi.

RISCHIO SQUALIFICA? – Attenti a Ibra, Ambrosini e Pirlo attualmente in diffida. Chi di loro venisse ammonito salterà il Bologna… o la Roma? Se venisse confermato lo sciopero salterebbero proprio la sfida scudetto nel derby delle metropoli alla terzultima (vi ricordate l’ultimo anno dove tale partita era proprio alla terzultima giornata seppur a campi invertiti?), segno che evidentemente qualcosa nel regolamento federale non funziona.

FUTURO – Vincere quindi oggi per mandare indietro l’Inter già a -10, distacco che la supercorazzata di Mourinho ci aveva inflitto in 38 giornate. Ma soprattutto la Roma che gioca in un campo ostico come Verona e il Napoli che difficilmente batterà in casa il Palermo data la recente scoppola a Udine. Chi non deve fare cazzate però, siamo noi. L’ultima vittoria in casa col Brescia, risale proprio a quel fantastico 2004.

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Thiago Silva, Nesta, Zambrotta; Gattuso, Pirlo, Ambrosini; Seedorf; Ibrahimovic, Robinho.

BRESCIA (3-4-2-1): Sereni; Zebina, Bega, Martinez; Zambelli, Hetemaj, Cordova, Daprela; Diamanti, Konè; Caracciolo.

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.