Parafrasando un famoso telecronista dopo la finale di Champions, potremmo dire “L’Inter ha vinto, il Milan non ha perso“. E’ il paradosso di un derby bruttino, fatto dal Milan, in cui una squadra è riuscita a giocare a calcio mentre l’altra ha capitalizzato una delle due occasioni avute (l’altra con Icardi a fine primo tempo). Il Milan ha giocato meglio ed ha avuto più occasioni (tre nettamente sciupate da Luiz Adriano) ed è stato punito nel proprio miglior momento della ripresa. E’ dura uscire da un derby perso senza essere rammaricati ma oggi possiamo dire che rispetto alla prestazione di Empoli sono stati fatti passi avanti importanti.

Prima di tutto: mai più De Jong davanti alla difesa. Oggi si visto un buon Montolivo (uno dei migliori del Milan) e non è un caso che quando il capitano giri giri la squadra. E’ stato così anche al primo anno di Milan nella rimonta al terzo posto. In secondo luogo le sorprese di oggi arrivano tutte dal mercato: Kucka ha annullato “mister 40 milioni” Kondogbia, Romagnoli si è concesso un solo errore di timidezza sul gol in un’ottima partita dove Zapata sembra essere tornato sui propri standard – a dire la verità sempre dipesi dal compagno di mercato.  La nota più sorprendente sembra essere Balotelli entrato col piglio giusto per provare a ribaltare la partita – e francamente me lo aspettavo.

Passando alle nefandezze non si può non notare la prestazione indecente di Honda. Criminale metterlo lì soprattutto dopo l’ottima partita di Bonaventura con l’Empoli nel suo ruolo. Due gli errori gravi di Mihajlovic, che se avesse fatto Inzaghi sarebbe stato messo sotto processo – il secondo è non inserire De Jong e avanzare Jack ma inserire Balotelli per Bacca rinunciando alla profondità (sulle punte ci sarebbe da fare un discorso tattico, dovrebbe essere il colombiano e non il brasiliano ad attaccare la profondità).

Nonostante gli errori di Mihajlovic resto ottimista: la via tracciata sembra essere quella giusta e nonostante l’immeritata sconfitta non va abbandonata. La via di una creazione di gioco e non della sua distruzione. C’è ancora qualcosa da sistemare ma penso che se riusciamo a giocare sempre come oggi di partite se ne perderanno ben poche ed il terzo posto può essere alla portata. Per stasera lasciamo festeggiare ai cugini lo scudetto già vinto al 13 Settembre dopo un gioco che nemmeno il Barcellona di Guardiola che gli ha portato 9 meritatissimi punti.

INTER-MILAN 1-0 (primo tempo 0-0)
MARCATORE: Guarin al 13′ s.t.
INTER (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Juan Jesus (dal 23’ s.t. Telles); Guarin, Felipe Melo, Kondogbia; Perisic (dal 39’ s.t. Ranocchia); Icardi, Jovetic (dal 27’ s.t. Palacio). (Carrizo, Biabiany, Montoya, Gnoukouri, Ljajic, D’Ambrosio, Nagatomo, Brozovic, Manaj). All. Mancini.
MILAN (4-3-1-2): Diego Lopez, Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Kucka (dal 27’ s.t. Poli), Montolivo, Bonaventura; Honda (dal 36’ s.t. Cerci); Bacca (dal 16’ s.t. Balotelli), Luiz Adriano. (Abbiati, Donnarumma, Mexes, Ely, Alex, Calabria, Suso, Nocerino, De Jong). All. Mihajlovic.
ARBITRO: Rocchi di Firenze.
NOTE: Ammoniti Abate, Juan Jesus, Honda, Felipe Melo, Kucka. Recuperi: 1’ pt, 5’ st.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.

12 Comments

  1. Intanto complimenti all’ Inter che questo derby lo ha vinto eccome e vola in classifica. È già la terza partita di fila che vincono con un po di fortuna e questo potrebbe essere un chiaro segno che li candida a giocarsela per lo scudetto.

    Detto questo il Milan ha giocato veramente bene con la giusta intensità.

    I migliori Kucka, Balotelli e Montolivo. Ovvero i più bersagliati per motivi diversi. Segno evidente che la gente capisce poco di calcio. Molto bene anche De Sciglio in recupero. Questa sera si è visto la mano di Mihailovic. Il nostro campionato inizia stasera. Giocando cone stasera i punti arriveranno

  2. Peccato stasera non avere avuto il Niang del precampuonato e Menez dello scorso anno da buttare dentro a partita in corso

  3. Un’analisi condivisibile.
    Montolivo lì ti garantisce maggior qualità e possibilità di ripartire, ma poi devi sopportare di prendere un contropiede come quello del gol. Non per niente Sinisa ha detto che lo ha messo perché voleva vincere e non difendere.
    Quando esalti il tuo preferito e protetto per aver scelto con due soldi Kucka al posto di un Kondogbia (qualcuno lo chiama Condom) chiedigli perché si è messo in casa quel paracarro del giapponese?
    Per il resto esco incazzato per aver perso un derby deciso da un episodio, ma molto fiducioso di poter fare un campionato interessante. In fondo questa sera mancavano Antonelli, Bertolacci, Menez e Niang: non è mica poco.
    I merdosi prescritti parlano, come dici, già di scudetto e a Sky sono rimasto schifato. Se Mario la metteva dentro anziché colpire il palo cosa avrebbero detto. L’Inter è pompata come è pompata la sua classifica e come è pompato, da sempre e oltremisura, quella fighetta del suo allenatore. Certo che con un bell’acquisto a centrocampo questo campionato, visto cosa c’è in giro,ce lo giocavamo alla grande.

    1. Mai voluto Kucka ma se fa bene lo dico.

      1. Diavolo, intendevo che va bene elogiare il Condor quando fa bene (Kucka costa poco e può essere molto utile, come ha dimostrato questa sera), ma si può criticarlo quando scazza palesemente e mi riferivo ad Honda. Mi dirai che è a parametro zero, però è anche inutile in questa squadra.

      2. Io si e mi sta dando ragione

    2. Hai scritto:
      “Montolivo lì ti garantisce maggior qualità e possibilità di ripartire, ma poi devi sopportare di prendere un contropiede come quello del gol”
      Infatti abbiamo perso apposta . Ma in quale manuale del calcio e’ scritto che ilmgioco deve impostarlo il centrocampista di protezione ? Che hanno i piedi storti o paralizzati i difensori che non possono passare la palla alla mezz ‘ala . Mettere Montolivo davanti alla difesa significa giocare ad handicap .

  4. Mah…sarò anche fissato con i ‘Renatini’ ma questa sera li ho visti in campo tutti e tre! Momenti mi viene il coccolone! Non pubblico il mio commento! Sono inferocito con quell’interista di palta che stava in tribuna con ‘passaporti falsi’. Li hanno proprio scientificamente ben scelti tutti e tre!

  5. Ma anche cervello . Honda non doveva giocare . Bonaventura andava sostituito perche’ non ce la faceva piu’ . Bacca non doveva uscire mai : 30 milioni , bravo , siamo sotto di un gol !
    Quando e’ entrato Balotelli mi sono detto : bravo , coraggioso .
    Adesso sposta Montolivo al posto di Bonaventura , entra De Jong a compensare lo sbilanciamento dei tre attaccanti ed escono Honda e Bonaventura. Sono rimasto pietrificato vedendo uscire Bacca . E pessimista . Elasticita’ mentale ci vuole , Sinisa bello . Non hai il regista come si deve per il Milan ( Dino Sani , Suarez , Pirlo,magari De Rossi ) Non hai nemmeno lontanamente il trequartista all ‘altezza del Milan ( Schiaffino , Rivera , Zidane ) . Allora che cazzo ci fai ancora col 4/3/1/2 .
    Cambia , benett’uomo . altrimenti addio ” terzo posto ” .
    Hai grandi attaccanti , invece . Questo si . Sfruttali !

  6. Ma perchè l’allenatore della Sampdoria parla di gioco?

    Nel primo tempo è stato solo “palla a Adriano o Bacca e speriamo si inventino qualcosa” ed è durata sì e no venti minuti.

    Nella ripresa, ultimi venti minuti, il solito Balotelli contro tutti a calciare da 40 metri.

    Si chiama gioco questo?

  7. Giocando cone stasera i punti arriveranno

    Ma sì, quelli per non retrocedere arriveranno … l’ottavo posto in campionato dovrebbe essere al sicuro anche quest’anno.

    1. Non mi piace il disfattismo ma nemmeno il canto delle
      cicale ……

Comments are closed.