https://i0.wp.com/www.milanoweb.com/notizie/images/7689/27853_marcello-lippi.jpg?resize=302%2C2020-0. Non abbiamo vinto, ma non abbiamo ancora nemmeno perso e preso gol. Regge la difesa a 3. Bonucci – Chiellini – Cannavaro. Ed è tanta tanta roba. Se era l’unica incognita: sì, la difesa a 3 può essere un’alternativa valida per il mondiale.

Lippi ancora una volta ci ha preso con le convocazioni. Bonucci, Cossu e Borriello sono stati i migliori in campo. A Marco è mancato solo il gol, ma capita spesso in queste amichevoli di non trovare la via della rete. Classica partita bloccata dove le squadre non si sono volute scoprire troppo. Ci teneva il Camerun, Eto’o ha anche fanculizzato l’arbitro nel finale di partita rispettando anche in nazionale lo stile piangina che caratterizza i tesserati neroblu. Volevano vincere, si accontentano dell’onore di aver strappato un pari ai campioni del mondo. Un pari in una serata in cui, Spagna a parte, le squadre europee al mondiale hanno faticato molto. Ha rimontato l’Inghilterra l’Egitto, che per poco non stava per espugnare Wembley. Ha perso in casa la Germania, con l’Argentina di Maradona, fatta qualificare in Sudafrica dalla Fifa ma che non fallirà il grande appuntamento avvicinandosi alla rassegna iridata. E’ riuscita a spuntarla anche l’Olanda. Gol decisivo, ancora una volta, del cacciatore, ritrovato prima nel Milan ora nella nazionale, hanno perso Danimarca, Svizzera, Bulgaria e Romania. E ovviamente i Francesi. Ma a quello oramai siamo abituati.

Le risposte dovevano arrivare da questa partita e sono arrivate: Borriello tranne una involuzione clamorosa nel finale di stagione ai mondiali ci sarà. Ha fatto di testa sua ancora Marcello. Non ha ascoltato i giornalai che invocavano i Baresi o i Bresciani. Ha preso il più valido tecnicamente di questi tre. Mai visto un allenatore non cedere alle pressioni e fare di testa sua come lui: questo gli fa onore. Da sottolinerare anche la grande gara di Cossu. Una personalità così all’esordio non l’avevo vista da nessuno. Queste convocazioni non sono “premi” come pensava qualcuno. Sono una valida ricerca di valide alternative ai grandi nomi che però non sono più quelli di 4 anni fa. Grandi nomi che abbiamo reso grandi noi. Perché i Bonucci, i Borriello e i Cossu di oggi non sono nient altro che i Grosso, i Barone, gli Oddo, i Barzagli, i Toni e li Zaccardo di 4 anni fa.

Ora si riprende il campionato fino alla fine, poi saranno mondiali. Secondo me possiamo ancora stupire. Siamo una squadra operaia, con la testa sulle spalle. Andiamo ad un mondiale da campioni in carica, ergo siamo l’unica squadra che il mondiale può perderlo senza drammi. Possiamo stupire ancora. Wait and see. Mancano 100 giorni. Chiudete le valigie… andiamo in Sudafrica!

Diavolo1990

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.