21 Ottobre 2018, Stadio San Siro.
Il 169esimo Derby di campionato va all’Inter al termine di 90 minuti in cui i Rossoneri hanno sofferto in ogni zona del campo.

Formazione Inter
4-2-3-1 per Spalletti che recupera Vrsaljko e schiera Asamoah al posto di Dalbert, perderà Nainggolan alla mezzora.

Formazione Milan
Non ci sono novità, Gattuso schiera l’undici titolare di questo inizio di stagione.

Inter_Milan_21102018.png

La partita
Inter che tiene sotto pressione il Milan per larga parte del primo tempo, pressing orientato dei nerazzurri per far giungere palla a Calabria e costringerlo al lancio lungo, Icardi su Musacchio con Politano a stringere su Romagnoli chiudendo la linea di passaggio verso Rodriguez costringono i rossoneri a scivolare verso il numero 2 che sulla pressione di Perisic non riesce quasi mai a trovare l’uscita pulita della sfera.
Quando i rossoneri provano ad uscire centralmente verso Biglia, l’argentino è preda del raddoppio di Brozovic e Vecino.
Sebbene il computo del primo tempo parli di 7 tiri a 8 per i rossoneri, con una rete annullata per parte, l’Inter sembra la squadra più intenzionata a fare la partita.
Il Milan, al solito, non recupera palla in pressione, ma sceglie di disporsi passivamente a chiusura delle linee di passaggio arretrando di parecchi metri in attesa delle giocate degli avversari, in ripartenza manca della pazienza e personalita necessarie per esprimere il proprio palleggio, finendo per forzare la giocata e riconsegnare la sfera agli avversari.
Inter a due volti, senza palla si dispone con il 4-2-3-1 con Nainggolan prima e Borja poi ad alzarsi coprendo le linee di passaggio centrali, in possesso i nerazzurri rinunciano al doppio mediano, con Vecino incaricato di alzarsi cercando il mezzospazio sinistro alle spalle di Biglia, in questo modo i nerazzuri dispongono di due mezzali alte pronte ad allargarsi e ricevere palla alle spalle del mediano rossonero.
Dove però i nerazzurri danno il meglio è l’immediata riaggressione della sfera una volta perso il possesso, di fatti gli uomini di Spalletti mantengono la linea difensiva altissima, con i centrocampisti sempre pronti ad aggredire gli uomini di Gattuso,impedendo ai rossoneri di palleggiare.

A palla persa i nerazzurri non indietreggiano, qui è Politano ad aggredire immediatamente il passaggio di Bonaventura per Rodriguez, recuperando palla sulla trequarti.

Rossoneri graziati solo dall’incrocio di De Vrji e dalla scarsa freddezza di Vecino liberato in piena area da Vrsaljko.
Milan che conclude 8 volte verso la porta dell’Inter, ma sono tutte occasioni qualitativamente inferiori a quelle nerazzurre.

Rinuncia a giocare
Sulla falsariga del primo i nerazzurri iniziano il secondo tempo con maggiore consapevolezza, lo strumento di mantenimento del possesso non è più l’immediato recupero del pallone, ma un possesso paziente ed ordinato, Spalletti nei primi minuti schiera i suoi con il tre e mezzo, difesa composta da Vrsaljko bloccato, De Vrji e Skriniar, liberando Asamoah di avanzare e supportare maggiormente l’azione offensiva, ma complice la serata di scarsa vena del ghanese ristabilisce quasi immediatamente la difesa a quattro.
Complice l’affaticamento l’Inter abbassa il livello di intensità del suo pressing ed il Milan riesce finalmente a far girare palla verso sinistra utilizzando le doti di palleggio di Rodriguez per uscire, ma è evidente che il piano gara dei rossoneri non preveda la gestione del pallone perché anche senza pressione avversaria i giocatori di Gattuso hanno fretta di forzare la giocata, questo oltre alle complicazioni dovute al basso ripiegamento impediscono ai Rossoneri di servire i propri uomini migliori in posizioni vantaggiose.

2018-10-21 23.37.00

Dei 27 passaggi recapitati a Suso, oltre 3/4 lo vedono ricevere palla lontano da zone pericolose.

Il tempo scorre e appare sempre più evidente come anche con l’Inter stanca il Milan non cerchi nemmeno di vincere la partita, quando entrano in possesso i rossoneri cercano un giro palla conservativo, quasi ad evitare di restituire palla agli avversari per rallentarne la costanza offensiva e diminuirne la presenza sottoporta.
Quando Cutrone prende il posto di Hakan in molti, giustamente, si aspettano il passaggio al 4-4-2 per ripetere il finale ad alto ritmo visto già contro la Roma, ma tra lo stupore generale Patrick prende le consegne da ala destra di sacrificio, restando largo e lontano da Higuain, e quando i rossoneri sprecano un paio di situazioni da contropiedie potenzialmente interessanti, con Suso prima e con il Pipita poi la partita sembra ormai incanalata sullo 0-0.

E’ però l’Inter nel finale a dimostrare di essere più preparata per vincere, Spalletti torna al 3 e 1/2, Vrsaljko appoggia verso Candreva in arretramento che è bravo a far scorrere per il solito inserimento di Vecino, che costringe la difesa rossonera a scivolare fuori posizione, sul cross spettacolare dell’uruguaiano, complice una pessima lettura di Donnarumma, si avventa Icardi che decide l’incontro.

Schermata 2018-10-21 alle 23.53.10

Il pallone di Candreva raggiunge il solito inserimento di Vecino che si allarga alle spalle di Biglia, dal cross dell’uruguagio nasce il gol partita.

Conclusioni
Per chi segue questa rubrica non è la prima volta che esprimo dubbi sulle qualità del gioco del Milan, questa volta non ci sono stati errori degli avversari o prodezze individuali degli uomini di Gattuso e passivamente ci siamo consegnati all’avversario.
Il Milan non ha giocato, non ha pressato, non ha attaccato e non ha recuperato palla, il piano gara è stata una strenua occupazione degli spazi di passaggio sino a quando gli avversari non ci hanno castigato.
La via per l’Europa che conta passa da un calcio più moderno che ad oggi il Milan non è stato in grado di offrire.

Fotogramma tratto dall’account Twitter di @GabrieleCats, in cui si vede come la tipica pressione solitaria e non coordinata della mezzala del Milan liberi troppo spazio di ricezione per la mezzala avversaria ai lati di Biglia.

L’Inter ha giocato spesso con la difesa a 40 metri dalla propria porta, difendendo avanzando e concretizzando allo scadere quanto ha mostrato per tutti i 90 minuti, dando prova di possedere le qualità necessarie per ripetere e migliorare il piazzamento della passata stagione.

Posted by diavolesque

Il Calcio è guerra e pace tra bellezza ed utilità.