Se è vero che non si può dominare l’Empoli a San Siro è anche vero che la partita di stasera segna un passo indietro rispetto alla gara di Napoli. E’ una partita non dissimile da Spezia, Salernitana, Sampdoria e Udinese però è anche vero che se agli avversari non viene concesso un gol di mano si può vincere una partita anche giocando male.

Il primo tempo è stato esattamente la fotocopia delle partite di cui sopra. Un Milan che domina ma fatica negli ultimi metri. Il gol è ancora più che una costruzione un episodio con Kalulu bravo a sfruttare un rimpallo tirando onestamente in maniera perfetta. Nel secondo l’Empoli è meno remissivo e prova a dare il tutto per tutto, ma è anche vero che tolta l’occasione di Luperto non si ricordano poi occasioni così clamorose per loro.

Il secondo ha visto l’Empoli crescere e il Milan dimostrare che purtroppo a differenza di Inter e Juve non sa ancora gestire il vantaggio contro una big e deve sempre e comunque dare tutto. C’è da dire che Chiffi ci ha provato concedendo una aggressività eccessiva ai toscani ma non c’è stata nemmeno una mezza occasione per potergli concedere un rigore o comunque qualcosa (e la faccia affranta al fischio finale dice molto)

I difetti li abbiamo visti tutti. Kessie trequartista non funziona, sulla fascia di Messias/Saelemakers onestamente darei una chance a Castillejo a questo punto. Aggiungiamo una generale involuzione di Calabria e Rebic che ancora fatica. Basterà per vincere qualcosa? Lo scopriremo solo dopo le nove partite che mancano da qua alla fine. In compenso è un’altra vittoria per 1-0 di quelle brutte, sporche e pesanti che ci porta a 63 punti, un potenziale -7/-10 dalla Champions League a nove dalla fine.

MILAN-EMPOLI 1-0

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Florenzi; Tonali, Bennacer (dal 87’ Krunic); Messias (dal 72’ Saelemaekers), Kessie (dal 72’ Diaz), Leao( dal 83’ Rebic); Giroud (dal 83’ Ibrahimovic). A disposizione: Tatarusanu, Mirante, Ballo-Touré, Romagnoli, Gabbia, Castillejo, Maldini. Allenatore: Pioli.

EMPOLI (4-3-2-1): Vicario; Fiamozzi (dal 63’ Stojanovic), Romagnoli, Luperto, Cacace (dal 63’ Parisi); Zurkowski, Asllani, Bandinelli (dal 71’ Benassi); Bajrami (dal 71’ Di Francesco), Henderson (dal 63’ Cutrone); Pinamonti. A disposizione: Ujkani, Stulac, Verre, La Mantia, Tonelli, Ismajli, Viti. Allenatore: Andreazzoli

ARBITRO: CHIFFI.

MARCATORI: 19’ Pierre Kalulu.

NOTE: Ammoniti: 90’+2 Tonali. Recupero: 2’ 1T, 4’ 2T.

SPETTATORI: 48.801.

Posted by Diavolo1990

Amministratore, co-fondatore e capo-redattore del sito dalla sua fondazione.