contatore visite free

Siamo solo all’inizio

Un esordio quasi con il botto. L’Italia parte bene, molto bene, battendo il Belgio, squadra considerata una possibile outsider per la vittoria finale dell’europeo. Organizzazione, idee chiare e movimenti provati e riprovati fino allo sfinimento che portano i loro frutti.

Nessuno ha mai messo in dubbi le capacità di allenare di Antonio Conte, e nessuno lo farà. Nel mio ultimo post avevo duramente criticato le sue scelte, perché troppo a senso unico. Questa mia idea rimane totalmente inalterata, ma non influisce sulla mia capicità di giudizio riguardo alle prestazioni squisitamente di campo. Sa cosa vuole e sa cosa chiedere, ed è questo che lo rende un allenatore non solo capace ma anche apprezzato. I meriti per la vittoria di ieri sono i suoi: il lancio lungo per il primo goal di Giaccherini, gli esterni altissimi, l’aggressività costante ma alternata a momenti di attesa, le coperture preventive maniacali e tutto il resto. Quando ha tempo di lavorare, lo fa e lo fa bene.

Tutto ciò non deve però farci dimenticare che siamo solo all’inizio, solo alla prima partita; i caroselli e l’euforia devono necessariamente attendere, perché gli ostacoli da superare sono ancora tanti e non sempre lo scoglio più pericoloso è quello che si riesce a scorgere già da lontano. Voglio dire che la pressione per la gara con il Belgio era già molto alta: perché sono forti, perché era l’esordio e perché infondo tutti sapevano di essere sotto attenta osservazione del ct e della critica. Iniziare con il botto crea entusiasmo, ma può anche destabilizzare. Starà ad Antonio Conte riuscire a gestire il tutto, richiamare tutti sui giusti binari e lavorare ancora.

I pericoli ci sono stati, così come le occasioni sprecate, e non sempre ci può andare bene come ieri. Non sempre troveremo un Lukaku o un Origi pronti a graziarci a due passi dal portiere, così come non sempre troveremo un arbitro quasi perfetto come quello di ieri, e sappiamo bene quanto questo elemento sia da considerare in una competizione così breve e ricca di gare. Io solo fatto di avere due centrali di difesa su tre ammoniti alla prima gara rende l’idea di quanto la situazione possa complicarsi da qui a poco.

Occhio dunque, serve attenzione, dedizione e concentrazione. Farsi prendere dall’euforia può complicare ancora di più le cose. Anche in Brasile avevamo iniziato bene, e poi sappiamo come è andata. Piedi per terra e lavorare…questo è solo l’inizio!

2 commenti

  1. Tutto molto giusto, Nicco. Mi rammarico per avere buttato un anno col cazzone in panca.
    Vedi la differenza! Appena recuperato il,pallone tre , quattro giocatori si lanciano negli spazi per dettare il passaggio. Rarissimi i passaggi all’indietro o al compagno due metri accanto.
    Terzini scarsi? Come i nostri? Difesa con tre centrali ! Uno che ne capisce. Da noi ne capiva solo Seedorf e lo fecero fuori. Vabbe’ !
    Cambiando discorso non sono poi tanto sorpreso a vedere nemici che tacciono.
    Sono invece disgustato a vedere che tacciono tanti finti amici.

  2. Sto ascoltando Rino Gattuso su Milanchannel.
    Uomo vero con cervello, cuore e palle.
    Ascoltare quello che sta dicendo farebbe bene a molti ……

I commenti sono disabilitati.