Il sesto posto conseguito dal Milan finora, con un discreto (anche se non rassicurante) margine sulle inseguitrici, è il piazzamento da mantenere assolutamente se si vuole andare in Europa.

Pensare di perdere in casa 0-2, 1-2 e via dicendo dall’Alessandria in Coppa non è impossibile, certo, ma se si vuole puntare in alto non bisognera fare neanche questo tipo di discorsi. Massimo 3-4 cambi alla formazione titolare, giocare come si sa e portare a casa la finale. Più complicato il discorso in campionato: solo 2 centrali “titolari” e pochi ricambi sugli esterni non sono un bel viatico per una squadra che giocherà ancora 16 partite, se tutto va bene. Per ora il 4-4-2 funziona e in questa stagione sei risultati utili consecutivi il Milan non li aveva mai ottenuti finora, ma Inter e Fiorentina -in difficoltà, e ora pure con gli scontri diretti a favore nostro o comunque in parità- sono ancora 5 e 6 punti sopra.

Il calendario di febbraio ci metterà di fronte a Genoa, Napoli e Torino, e il 1° marzo il ritorno di Coppa con l’Alessandria. Tre squadre storicamente ostiche, anche se è proprio contro le “medie” come il Toro che il Milan si è comportato meglio; il Genoa ci è costato 3 punti all’andata, il Napoli è stato protagonista del punto più basso del Milan di Mihajlovic, quello 0-4 che fece accantonare il vecchio modulo al tecnico serbo. L’incognita sarà la condizione dei vari Menez, Luiz Adriano e Balotelli: come per gli esterni la coppia Bacca-Niang non può certo giocare tutte e 16 le partite e inevitabilmente i gol soprattutto del francese e del brasiliano ci vogliono. Il derby ha restituito fiducia, comunque, e anche con l’Udinese è stato un pareggio molto diverso da quelli con Atalanta e Carpi. Per quanto visto, però, il sesto posto sta strettino a una squadra che nel giro di due scontri diretti ha dimezzato lo svantaggio sulla zona CL.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014

7 Comments

  1. Borgofosco

    Il Milan ha sempre il dovere di puntare al miglior piazzamento possibile. In relazione a quello che sostengo da sempre, dico che il Milan ha 10 punti in meno per gravi sviste arbitrali. I rossoneri dovrebbero essere già nelle zone più nobili della classifica. Purtroppo non è così e me ne faccio una ragione! Ma non vorrei assistere a partite arbitrate da non ‘vedenti’ piuttosto che da ipovedenti reali. La partita con il Genoa è complicata anche perché le ultime tre volte che i rossoneri hanno incrociato i rossoblu…hanno sempre perso! Quindi piano con gli entusiasmi perché i fischietti e le ‘bandierine gialle’ stanno dietro l’angolo. Giacomelli l’anno scorso, pur con un Milan disastroso… ne combinò più di Pulcinella! Quindi…calma e gesso e soprattutto ricordiamoci di come Tagliavento indirizzò la partita di Marassi. Per me uno scandalo. Se tutto filerà per il verso giusto e non ci saranno favori da fare agli amici… il Milan potrebbe forse guadagnare quel che gli è stato tolto domenica scorsa.

  2. Certo che sesti non basta. E non parliamo nemmeno di preferire la coppa dell’oratorio alla partecipazione a quella che ci piace. Eccome se ci piace. Io penso che se tornano in tempo ai loro livelli Balotelli e Menez, oltre che Adriano e Boateng. E se Mihailovic sapra’ gestire turnover e spogliatoio senza demotivare nessuno. Se……OK , non e’ una cosa impossibile, cazzo! Mourinho fece giocare esterno nel 4/4/2 nientemeno che Eto’o . Potrebbe farlo Menez, no?
    Ma vaffanculo tutti noi tristi e piagnucolosi, arrabbiati e ingenerosi, talvolta cattivi senza accorgerci di esserlo…….
    Ma che facessimo in culo con i nostri piagnistei ed attacchiamo la marcia militare! Ci rendiamo conto che la collina e’ a due passi , mal difesa da quattro crucchi schifosi da spazzare via!
    Forza, e’ il momento di andare all’attacco tutti insieme.
    Vero Sadiq ? Vero La Paura? Dai , venite anche voi!
    FORZA MILAN!

    1. Come sesti?
      Il geometra ha detto che siamo in vantaggi nei confronti diretti contro Fiorentina ed inter … com’è che invece siamo sotto in classifica?

      Questa squadra non arriverà MAI terza, giustamente peraltro dico io.

      E vivaiddio aggiungo! Terzi per andare a fare a prendere a calci nel culo nel preliminare? Siete sicuri di volerlo?

      Ma che si mantenga il basso profilo che compete a questa misera rosa. Sesto posto e finale di Coppa Italia ottenuta con ignominia eliminando squadre di dilettanti. Se poi vi piace il sadomasochismo di prendere le scoppole in giro per l’Europa, cazzi vostri. Io non sono sadomasochista, nè frocio, nè stepchild.

    2. Mi staresti accusando di qualcosa?

      1. Mi riferivo al commento di Vittorio qui sopra.

        1. Macche’ . Sto tentando di convincermi che remando forte , ma forte , si puo’ tentare di arrivare terzi . E quindi invito a remare anche i piu’ critici come te ed io stesso. Insomma mi pare che qualcosa di diverso stia avvenendo e mi sembra giusta una tregua . Perfino con la cravatta .

  3. Quindi, tornando al titolo, SESTI: basta e avanza e cara grazia!
    Pure settimi.

Comments are closed.