Chiedo scusa, anzitutto, perché sembrerò ripetitivo. Chiedo scusa perché, in effetti, sarò ripetitivo. Chiedo scusa perché ormai sembra che io stia diventando un involuto. Chiedo scusa perché ormai ciò che scrivo (e il modo in cui lo scrivo) è proprio poco evoluto. Chiedo scusa perché sembra che io sia diventato quello che ho sempre contestato, deriso e sbeffeggiato (anche dalle pagine di questo blog). Chiedo scusa perché posso dare l’impressione di non essere mai certo su qualcosa. Anzi, chiedo scusa perché è come se io avessi sempre una sola ed unica certezza: quella di andare in direzione ostinata e contraria. Chiedo scusa perché forse sto abusando dello spazio che mi è concesso all’interno di questo blog. Chiedo scusa perché mi sto schierando apertamente contro. Chiedo scusa perché stavolta non sono affatto d’accordo e non riesco proprio a fare altrimenti. Chiedo scusa perché non mi sento né derubatoscippato. Chiedo scusa perché, molto probabilmente, do l’impressione di essere un irrazionale o – peggio ancora – un non vedente. Chiedo scusa perché voglio andare oltre l’evidenza dei torti subiti dal Milan nelle ultime due partite, contro Carpi e Verona. Chiedo scusa perché non me la sento di gridare al complotto, al complottino e chi più ne ha più ne metta. Chiedo scusa perché non me la  sento proprio di analizzare gli episodi e di fare il moviolone. Chiedo scusa perché, insomma, credo che questa squadra debba essere più forte di certi episodi. Chiedo scusa perché ho appena espresso un pensiero banale, che va oltre la logica. Chiedo scusa, tuttavia, perché penso che sia la verità. E chiedo scusa perché è questo quello in cui credo in questo momento. Chiedo scusa perché forse non sembro troppo arrabbiato. Chiedo scusa perché forse non sono così arrabbiato. Chiedo scusa  perché penso, in tutta onestà e in tutta semplicità, che il Milan doveva fare di più. Chiedo scusa perché penso che che il Milan, contro Carpi e Verona, avrebbe dovuto vincere facilmente. Chiedo scusa perché guardo la classifica e penso a quanto sono stato ingenuo a immaginare un Milan a 29 punti dopo Carpi e Verona. Chiedo scusa perché adesso ho paura del Frosinone di Stellone. Chiedo scusa perché, nella mia testa, ho, evidentemente, un’immagine di Milan che ormai non esiste più, un Milan che deve soffrire e che non riesce a vincere nemmeno con l’ultima e con la penultima in classifica. Chiedo scusa perché volevo di più, mi aspettavo di più, desideravo di più. Chiedo scusa perché volevo godermi un Natale con tre vittorie di fila.  Chiedo scusa perché, in maniera sicuramente un po’ ridicola, ho rivalutato le prestazioni contro Lazio (20 pt e posizione #12 in classifica) e Sampdoria (17 pt, a 3 punti dalla zona retrocessione, a 3 punti dal Frosinone che adesso mi fa tanta tanta paura).  Chiedo scusa perché ho quasi sempre parlato bene di De Jong. E chiedo scusa perché ultimamente avevo parlato bene di Montolivo. Chiedo scusa perché, a parte questo breve inciso, non me la sento proprio di parlare della partita, dell’allenatore. E chiedo scusa perché, ancora una volta, non me la sento di parlare di Galliani e della società.

Chiedo scusa perché penso che il problema di questo Milan sia talmente evidente, da ritenere superfluo anche soltanto scriverne e parlarne.

Chiedo scusa perché sono afflitto dal recente passato, deluso del presente e pessimista per il futuro. Chiedo scusa perché penso, a questo punto, che non vada bene nulla. Chiedo scusa per tutto questo e per altro ancora.

Chiedo scusa per questo editoriale così insopportabile.

Per una sola cosa non chiederò mai scusa. Per il fatto di tifare e di sostenere sempre, con tutto me stesso (e nonostante tutto), il Milan.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

 

 

18maggio1994

Posted by 18maggio1994

Marco Pasquale Marchese. Nato a Palermo, classe 1993. Rossonero non per passione, ma per fede. Laureando in Giurisprudenza, anche se avrei voluto studiare Storia dell'Arte. Ma poi come avrei spiegato ai professori che una giocata di Van Basten vale quanto un quadro di Caravaggio ?