Si completa il tabellone delle 32 che andranno a disputare la fase finale della Champions League. Solo due italiane, un copione già troppe volte scritto in questi ultimi anni.

La tragicomica uscita di una Roma che aveva tutto per passare prova ancora una volta che a parte la Juve e qualche sporadico exploit (Toro in EL due anni fa) le italiane si fanno prendere a pallate. L’ultima a passare il preliminare dei piazzati fu il Milan 2013, contro gli olandesi del Psv, negli ultimi mesi di Allegri poi esonerato mentre era 13º in campionato. Lo 0-3 regalato al Porto con due espulsioni (di De Rossi, colui che spiegava a Balotelli che “così non ci si comporta”, e di Palmieri entrato da poco) ci dice che se la Roma si comporta così in quello che di fatto è un trentaduesimo di finale, la Juve può dormire sonni tranquilli.

Avanzano quasi tutte le favorite negli altri campi, fuori solo l’Ajax che subisce un 4-1 complessivo dal Rostov. Qualche preoccupazione in più per il Celtic che rischia la tagliola del gol in trasferta ma alla fine elimina gli israeliani del Beer Sheva, passano anche Monaco, City e Moenchengladbach tra le piazzate mentre Copenhagen, Legia Varsavia, Dinamo Zagabria e Ludogorets hanno la meglio tra i campioni. Stasera il sorteggio, con la Juve in prima fascia e il Napoli in seconda, e ancora una volta – a meno di miracoli – 4 italiane in Europa League, con la sorpresa Sassuolo avanti contro i più blasonati serbi della Stella Rossa.

Playoff piazzate: Roma-Porto 0-3 (agg 1-4), Monaco-Villarreal 1-0 (3-1), Manchester City-Steaua Bucarest 1-0 (6-0), Rostov-Ajax 4-1 (5-2), Borussia M.- Young Boys 6-1 (9-2).
Playoff campioni: Hapoel Beer Sheva-Celtic 2-0 (4-5), Viktoria Plzen-Ludogorets 2-2 (2-4), Legia Varsavia-Dundalk 1-1 (3-1), Apoel-Copenhagen 1-1 (1-2), Salisburgo-Dinamo Zagabria 1-2 (2-3).

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014