La penultima giornata delle qualificazioni europee mette di fronte Azerbaijan e Italia, la quinta in classifica (già in grado di fermare Croazia e Norvegia sullo 0-0) contro la brutta ma imbattuta capolista, a cui servono 2 punti tra stasera e martedì per qualificarsi direttamente a Euro 2016.

A colpi di pareggi e vittorie con un gol di scarto l’Italia ha portato a casa 18 punti, non senza polemiche sulla scarsa consistenza in attacco (11 gol in 9 partite, avendo già giocato quelle contro Malta). Motivo per cui a Pellè sono stati affiancati tra i convocati Quagliarella e Zaza, i due attaccanti più in forma del momento dopo l’infortunio a Balotelli. Servono i tre punti, per il gioco ci saranno l’ultima giornata e le amichevoli di novembre. Esordio da terzo portiere vero e proprio per Daniele Padelli. Pochi giocatori azeri giocano al di fuori del proprio campionato, tra questi il kazako di origine Dimitrij Nazarov, attaccante del Karlsruhe. Sicuramente più famoso il ct, il croato Robert Prosinecki, bronzo a Francia 98; per lui già 6 punti in un girone sicuramente tosto, anche se il record di 9 punti nelle scorse qualificazioni mondiali resterà imbattuto. 4-5-1 per gli azeri, con: Agayev; Dashdamirov, Huseynov, Sadygov, Medvedev; Armiguliyev, Garayev, Israfilov, Ismailov, Nazarov; Kurbanov. 4-3-3 per Conte, con: Buffon; Darmian, Bonucci, Chiellini, De Sciglio; Parolo, Verratti, Florenzi; Candreva, Eder, Pellè.

Altre squadre si aggiungono al lotto delle già qualificate: dopo Islanda, Repubblica Ceca, Inghilterra e Austria, volano a Euro 2016 anche Irlanda del Nord, Portogallo, Spagna e Svizzera. In particolare per i verdi si tratta della prima qualificazione della storia, dopo le 3 volte ai mondiali. Gli altri verdetti delle prime due serate riguardano tutti le squadre escluse a una gara dalla fine: Scozia (nel gruppo D) e Montenegro (nell’I) su tutte, ma anche il duo baltico Estonia-Lituania del girone E. Successo clamoroso dell’Irlanda (repubblica) sulla Germania, mentre stasera prosegue la sfida-verità tra Turchia e Olanda per l’ultimo posto utile del gruppo A, con l’eventuale eliminazione degli oranje ancora più clamorosa della qualificazione dell’Islanda. E martedì sera avremo l’elenco delle prime 20 squadre qualificate, e gli incroci dei playoff che si preannunciano ancora più incerti di quelli per il Mondiale, e sicuramente non meno di valore.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014