La penultima giornata regala con una giornata di anticipo i verdetti finali che tutti aspettavano. Roma seconda, Fiorentina in Europa League insieme al Napoli. Due vittorie “esterne” per giallorossi e viola.

Dopo la pura formalità del 3-1 tra Juventus e Napoli, con la consegna dello scudetto e l’ennesima diatriba sul numero dei titoli bianconeri, sabato sera Gasperini si è preso una bella rivincita sull’Inter, vincendo 3-2 a Marassi; sotto due volte, i rossoblu rimontano e nel finale vanno a segnare il gol della vittoria con Kucka, anche se molto probabilmente il Genoa dovrà cedere il sesto posto già “blindato” ai rivali della Sampdoria, non avendo ottenuto la licenza Uefa. Proprio i blucerchiati vanno a pareggiare 1-1 a Empoli, nell’ennesima partita stagionale da ammazza-grandi per i toscani. Solo Eto’o nel recupero evita la sconfitta, e i 3 punti di vantaggio sull’Inter non danno ancora la certezza assoluta del settimo posto. Alle 15, vittoria inutile per il Cagliari a Cesena (a Festa è riuscito ciò che non era riuscito a Zeman e Zola, ma è troppo tardi). 0-1 firmato Sau, mentre la Fiorentina si guadagna i punti necessari battendo 2-3 il Palermo nella partita forse più spettacolare del weekend. 2-2 tra Parma e Verona, 1-1 tra Chievo e Atalanta, mentre il Sassuolo vince a Udine relegando i friulani addirittura al 16° posto.

Pippo Inzaghi e parecchi dei giocatori lasciano con una vittoria di spessore, anche se utile solo a mantenere il Milan nella prima metà di classifica. Torna alla doppietta El Shaarawy, autore di due gol più da centravanti di razza che da ala tutto tecnica; nel mezzo un rigore di Pazzini per giusto fallo da ultimo uomo su Van Ginkel. Milan positivo e propositivo, come si è visto solo a sprazzi in stagione, in una partita completamente diversa da quella dominata dal Torino all’andata. Probabile il decimo posto alla fine, e l’addio di tanti protagonisti di questi anni di riflusso post-2011. Dopo tanto pessimismo, invece, la Roma si riscatta e si prende stracittadina e secondo posto. Partita tesa, sia in campo sia fuori; ma è al rettangolo verde che dobbiamo guardare e dopo un’ora di studio iniziata con due palle gol nitide per la Lazio (al 3′ e al 5′) sono gli acquisti deludenti della stagione a prendersi una bella rivincita: assist di Ibarbo e gol di Iturbe per lo 0-1 al 73° minuto. Neanche il tempo di festeggiare e la Lazio pareggia con Djordjevic, ma all’85’ arriva il gol della vittoria del criticatissimo Yanga-Mbiwa, di testa. Lazio che dopo essere arrivata a pochi centimetri dalla Coppa Italia perde anche l’accesso diretto alla Champions.

Risultati 37^ giornata: sabato Juventus-Napoli 3-1, Genoa-Inter 3-2, domenica Empoli-Sampdoria 1-1, Cesena-Cagliari 0-1, Chievo-Atalanta 1-1, Palermo-Fiorentina 2-3, Parma-Verona 2-2, Udinese-Sassuolo 0-1, domenica Milan-Torino 3-0, lunedì Lazio-Roma 1-2.

Classifica: Juventus 86, Roma 70, Lazio 66, Napoli 63, Fiorentina 61, Genoa 59, Sampdoria 55, Inter 52, Torino 51, Milan 49, Palermo e Sassuolo 46, Verona 45, Chievo 43, Empoli 42, Udinese 41, Atalanta 37, Cagliari 31, Cesena 24, Parma (-7) 18.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014