La 35^ giornata di campionato è quella della doppia sfida Milano-Roma, che uno scherzo del calendario ha voluto nella stessa giornata. Molto probabilmente, un’altra giornata in stile “andiamo avanti per inerzia” per il Milan.

Dopo la passerella Juve-Cagliari delle 18, utile solo alla festa casalinga per lo scudetto e a fare parecchio turnover (solo Barzagli e Marchisio in campo, fra i titolari, più Sturaro che ha giocato martedì) tocca subito a Milan-Roma, anticipo delle 20.45. La massima delusione del campionato, visto anche l’inizio incoraggiante, contro un’altra squadra che esce parecchio ridimensionata da questa Serie A. Squalificati Menez e De Sciglio, incerto Suso, il 4-3-3 del Milan sarà formato da: Diego Lopez; Abate, Mexes, Alex, Antonelli; Poli, De Jong, Van Ginkel; Honda (Suso se recupera), Bonaventura, Destro. Modulo speculare per la Roma, con: De Sanctis; Florenzi, Manolas, Astori, Torosidis; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Ibarbo, Gervinho, Doumbia (Totti). Tra i giallorossi assenti solo i lungodegenti, relegati in panchina invece Yanga, Ljajic e Holebas. La Roma è tornata a vincere bene proprio nelle ultime due partite, contro Sassuolo e Genoa (0-3 e 2-0) e teoricamente è favorita sul derelitto Milan dell’ultimo periodo (2 punti in 5 gare) che sembra più che altro sperare che il 90′ dell’ultima contro l’Atalanta arrivi molto in fretta.

I giallorossi devono anche preoccuparsi di tenere lontani i cugini della Lazio, che ospitano gli ex compagni di merende (e di 2-0) dell’Inter in una sfida importante per l’Europa, probabilmente il big match del turno. Ma Lazio-Inter arriverà solo alle 20.45 di domenica; prima tocca a ben 6 partite. Derby della Scala alle 12.30, con il Chievo “in casa” e favorito dalle ultime uscite, in una partita che per la prima volta in A vede entrambe le squadre ampiamente salve. Alle 15 Udinese-Sampdoria, Cesena-Sassuolo e Palermo-Atalanta; dopo 3 ore derby toscano -parecchio acceso negli ultimi anni, specie da parte azzurra- tra Empoli e Fiorentina, con i “provinciali” empolesi parecchio in forma dopo i successi con Napoli e Torino, e contemporaneamente Parma-Napoli (chissà se si tratterà di un nuovo sgambetto dei ducali ammazza-grandi). A chiudere Genoa-Torino, partita che escluderà almeno una delle due squadre dalla lotta per il quinto e il sesto posto.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014