Un campionato che ormai ha molto poco da dire. La Juventus porta a casa il suo 31° titolo tricolore vincendo a Marassi, con gol decisivo di Vidal; bastava un pareggio, ora la testa è tutta alla semifinale di Champions con il Real.

Altrettanto non si può dire del Milan. Che perde consecutivamente da 3 partite, non vince da quasi un mese -di nuovo- e ormai sembra trascinarsi per inerzia fino alla 38° giornata (e si vocifera che non ci sarà l’esonero di Pippo a campionato in corso, in cambio della rescissione alla fine). Il 3-0 di ieri a Napoli è solo l’ennesimo capitolo di una storia iniziata proprio poco dopo l’andata con i partenopei, quando Menez aveva messo in ginocchio la loro difesa e il Milan era a ridosso della zona CL. Tutt’altro copione ieri: giocare 90 minuti in dieci contro una delle squadre più in forma del torneo -non inganni il 4-2 a Empoli contro una squadra “pazza” come quella di Sarri- a lungo andare avrebbe steso chiunque, figuriamoci il derelitto Milan degli ultimi tempi. Formazione titolare che a parte Bocchetti e Poli teoricamente non dovrebbe sfigurare in una lotta per l’Europa, risultato in campo 3-0 con tanto di ricorso storico dei tre gol arrivati in sei minuti. E dobbiamo ancora ringraziare Diego Lopez se il passivo non è stato maggiore.

Poco da segnalare a parte il contro-sorpasso della Roma sulla Lazio: la banda Garcia passa con il Genoa, grazie al gol di Doumbia e soprattutto a quello spettacolare di Florenzi. I biancocelesti non vanno oltre l’1-1 a Bergamo, dopo essere stati in svantaggio a lungo. Sabato era finita 0-0 tra Sassuolo e Palermo, stesso risultato che ferma l’Inter contro il Chievo a San Siro. L’altra squadra meneghina però resta attaccata al treno per il sesto posto, grazie alla doppia sconfitta genovese. Vince 0-1 l’Udinese a Verona, in una partita che aggiunge qualcosa solo al campionato dei friulani; 3-1 per la Fiorentina sul Cesena -i viola guadagnano 2 posizioni-. Nel posticipo del lunedì, debordante 4-0 per il Cagliari di Festa contro il Parma che a breve verrà messo all’asta per evitare il fallimento con conseguente ripartenza dalla D. Manca all’appello Empoli-Torino, prevista per mercoledì. Ma tra due giorni su questi schermi si parlerà principalmente di Champions e di notti europee, che speriamo di poter tornare a vivere a breve.

Risultati 34^ giornata: sabato Sampdoria-Juventus 0-1, Sassuolo-Palermo 0-0; domenica Roma-Genoa 2-0, Atalanta-Lazio 1-1, Fiorentina-Cesena 3-1, Inter-Chievo 0-0, Verona-Udinese 0-1, Napoli-Milan 3-0; lunedì Cagliari-Parma 4-0; mercoledì alle 15 Torino-Empoli.

Classifica: Juventus (campione) 79, Roma 64, Lazio 63, Napoli 59, Fiorentina 52, Sampdoria 51, Genoa 50, Inter 49, Torino 48, Palermo e Milan 43, Udinese e Chievo 41, Verona 40, Empoli 38, Sassuolo 37, Atalanta 33, Cagliari 27, Cesena 24, Parma 16 (-7). Torino e Empoli con una partita in meno.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014