Stessi verdetti e stessi sorrisi di sette giorni fa. Solo Juventus, Lazio e Sampdoria escono soddisfatte da questo 27^ turno di Serie A, ci sono meno pareggi ma vincono tante squadre “in mezzo” (Milan escluso, purtroppo).

Sabato la Juventus ha dovuto faticare per piegare il Palermo, passando con Morata dopo ben 70 minuti di gioco. Privo di Pogba e Pirlo, Allegri ha inserito l’attaccante spagnolo solo al 60′ al posto di Llorente, e l’ex Real ci ha messo poco a mettere la firma sulla partita che sancirà il +14 e campionato finito -per i pochi che ci credevano ancora-. Una Juventus neanche lontanamente dominante come quella di Conte, ma che grazie ai tanti punti buttati via dalla Roma si invola verso il 31° titolo. In serata, il ritorno di Zeman a Cagliari coincide con la beffa finale firmata Vecino al 94′; i sardi conducevano 1-0 fino ai secondi finali con l’Empoli, e perdono un’ottima occasione per rosicchiare punti all’Atalanta. Che nella domenica di Serie A non va oltre lo 0-0 con l’Udinese, ormai senza grossi obiettivi di classifica. Mette tre mattoni decisivi per la salvezza il Chievo, che espugna Marassi per 0-2 battendo il Genoa. In contemporanea anche il 4-1 del Sassuolo al derelitto Parma, penalizzato di altri 2 punti in settimana.

Deludono ancora Napoli e Inter: la banda di Benitez perde 2-0 a Verona, sponda Hellas, dove sale in cattedra il quasi 38enne Toni, autore di una doppietta. In serata, i nerazzurri rischiano tanto a San Siro e lasciano 2 punti contro il Cesena corsaro, che addirittura passa in vantaggio con Defrel. Succede di tutto, gol dubbio annullato a Icardi (ma manca un rigore per i romagnoli), attacca molto senza costrutto l’Inter, e termina 1-1. Non va bene neanche nella “nostra” Milano: dopo aver difeso a oltranza lo 0-1 maturato con un gol di Destro, il Milan subisce due gol in pochi minuti nel finale e capitola anche a Firenze. Sorridono, come detto, Lazio e Sampdoria: per entrambe 0-2 esterno, contro Torino e Roma, sempre più in difficoltà e ora insidiata non solo dai cugini laziali ma anche dal trio che sta pochi punti indietro. I giallorossi hanno anche chiuso in 10 per il rosso a Keita; segno di uno stato mentale, oltre che fisico, molto precario.

Risultati 27^ giornata: sabato Palermo-Juventus 0-1, Cagliari-Empoli 1-1; domenica Atalanta-Udinese 0-0, Genoa-Chievo 0-2, Sassuolo-Parma 4-1, Verona-Napoli 2-0, Inter-Cesena 1-1; lunedì Fiorentina-Milan 2-1, Torino-Lazio 0-2, Roma-Sampdoria 0-2.

Classifica: Juventus 64, Roma 50, Lazio 49, Napoli 46, Fiorentina e Sampdoria 45, Inter e Genoa 37, Torino 36, Milan e Palermo 35, Udinese, Sassuolo e Verona 32, Empoli 30, Chievo 29, Atalanta 25, Cagliari e Cesena 21, Parma (-3) 9. Genoa e Udinese una partita in meno, Parma due partite in meno.

piterdabrescia

Posted by piterdabrescia

Editorialista da settembre 2012, vice-direttore e curatore delle rubriche "Destinazione" da ottobre 2014